banner

Home Il museo La gestione La biblioteca Informazioni
Il restauro Gli allestimenti Gli ambienti Galleria immagini

allestimenti

 

di Giuliana Zanella.

 

Il Museo di Valdenogher illustra un tema non comune, le pratiche alchemiche, per il quale non è disponibile una collezione di oggetti originali. L'eccezione è costituita dalla stessa Casa del Cinquecento e dalla storia scritta nella pietra della sua facciata, che rappresenta il racconto del processo di costruzione della pietra filosofale.

 

Quello che si propone è un doppio racconto che si intreccia lungo il percorso espositivo e che può evocare la presenza dell'Alchimista. Il primo racconto è quello relativo alla casa, alle sue modificazioni, alla storia rappresentata in facciata e all'alfabeto che ha permesso di svelarne il significato. Il secondo racconto è centrato sulla figura dell'Alchimista e la pratica alchemica.

Le principali fasi dell'Opera alchemica, Nigredo, Albedo, Rubedo, che sono raccontate rispettivamente al piano terra, al primo e secondo piano del Museo, trovano connotazione grafica nell'uso simbolico dei propri colori, nero, bianco e rosso e nelle allegorie espresse attraverso figure animali: corvo, colomba e fenice.

Questi uccelli, che segnano la numerazione delle stanze, indicano il percorso di visita da seguire.

Attraverso il racconto delle vicende culturali in ambito locale e veneto si svelano i pensieri, la concezione filosofica dell'Alchimista, la diffusione della scienza alchemica nella sua unità di pratica metallurgica, credo filosofico e conoscenza astrologica, un viaggio nella cultura e nel clima rinascimentale. Nel Museo si vedranno quindi esposti i testi delle ricerche alchemiche, rielaborati ai fini espositivi.

 

Lo scopo del Museo non è solo quello di informare ma anche coinvolgere i visitatori; è anche quello di colpire con le immagini ancora prima che con le parole. Molti testi alchemici sono accompagnati da straordinari apparati iconografici allegorici che suggeriscono quel che di misterioso e magico evoca l'alchimia. Basti pensare alle illustrazioni del microcosmo e macrocosmo, dello scontro-incontro degli opposti, delle nozze chimiche e del compiersi dell'opera, delle fasi raffigurate nello "Splendor Solis". Ma in questa occasione non abbiamo originali da esporre. Si è pensato quindi di proporre dei "sostituti", dei, come li abbiamo chiamati, "libri-fantasma", poiché testimoniano e sono costruiti con le immagini dei "libri veri" dell'alchimia. Questi libri sono costruiti attraverso una selezione di immagini riprodotte e testi filtrati per mostrare significati e senso delle cose. Accanto ai pannelli didattici e ai libri di approfondimento, sono collocate, su cavalletto, immagini scenografiche ed effigi di testimoni del tempo e rappresentanti della scienza alchemica (Djabir, Paracelso, ecc.).

 

Altri oggetti e video-proiezioni consentono di entrare nelle pratiche alchemiche:

. l'athanor, il fornello alchemico che assume l'aspetto di una piccola fortezza ripartita sui tre livelli tradizionali (base per la raccolta della cenere, focolare voltato a cupola, torretta con letto di cenere per gli alambicchi); emblema degli ordini del cosmo e delle mutazioni spirituali, l'athanor è installato tra una grande immagine del laboratorio d'Alchimista e la video-proiezione del fuoco alchemico (fuoco verde);

. la sfera armillare, i cui anelli costituiscono i moti apparenti del sole e degli astri attorno alla terra immobile, che rappresenta quindi la conoscenza astronomica nella concezione tolemaica;

. la rappresentazione delle relazioni tra macrocosmo e microcosmo, le catene o influssi degli astri sull'uomo astrologico e i minerali;

. una video-proiezione della trasmutazione della materia, l'uomo di luce o arcobaleno.

 

Nel locale del fornello e nella cantina, dove la funzione che vi si svolgeva è immediatamente percepibile, sono esposti alcuni oggetti "evocativi" come una serie di alambicchi, strumenti da laboratorio, le botti con il vino, i sali di tartaro (cristalli che si formano nelle botti, preziosi per la pratica alchemica), il salnitro ed il drago che, allegoricamente, li rappresenta.

 

In un ambiente è rappresentata l'Atalanta fugiens del medico e alchimista secentesco Michael Maier, testo poetico con stupende immagini allegoriche e rilevante testo musicale espresso in 50 fughe. Musica e canto sono del Coro Primula Vernalis di Venezia.

Nell'edificio Ottocentesco, adiacente la Casa del Cinquecento, si trovano il punto informazioni e vendita, una sala di lettura collegata in rete e corredata di PC, nei quali è disponibile un ipertesto relativo ai racconti del Museo.

L'ingresso di questo edificio è strutturato, come reception e piccola biblioteca tematica, con riferimento allo "Studiolo di San Gerolamo" di Antonello da Messina, con evidente richiamo allo studio e allo straordinario interesse rinascimentale verso i libri e le fonti classiche dei maestri. Molti testi alchemici degli antichi furono ordinati, commentati e stampati in questo periodo (alchimisti da scriptorium).

 

I criteri per l'allestimento hanno privilegiato una particolare sobrietà dell'esposizione. Si sono rifiutate "le ambientazioni" preferendo l'esposizione, come è stato detto, di pochi oggetti, allusivi di concetti e spunti che inducono curiosità e desiderio di approfondimento. Una struttura edilizia così delicata non può sopportare allestimenti invasivi e prevaricanti.

Le strutture espositive proposte evocano arredi e atmosfere domestiche (i tavoli, lo scrittoio che porta i "libri- fantasma", ecc.); sono strutture discrete che assolvono la loro funzione senza confondersi o occultare le pareti dipinte, nella ricerca di un'armonia con la spazialità degli ambienti.

 

(C) 2009 - OmniaZone® Sas

A.A.S.N. Cod. Fisc. 01011760251